Informativa sui cookie

Esperti di tosse: “A Bologna il 61% dei bimbi beve troppo poco”

Share on Facebook8Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

La maggior parte dei bambini di Bologna beve troppa poca acqua. Al limite della disidratazione, con conseguenze anche sulla respirazione. Lo rivela uno studio condotto su oltre 400 bambini e ragazzi tra i sei e i 15 anni dall’Aist, l’associazione italiana per lo studio della tosse che da domani, venerdì 2 febbraio, si riunisce proprio sotto le Due torri per il suo 12esimo congresso nazionale.

Lo studio sui rapporti fra disidratazione e tosse nei bambini ha impegnato i ricercatori per quasi quattro mesi. E i dati che sono emersi, spiega il presidente dell’Aist, Alessandro Zanasi, “mettono in evidenza come solo il 39% dei bambini esaminati beve acqua a sufficienza. Il restante 61% risulta disidratato”. L’obiettivo della ricerca, continua Zanasi, era “mettere in correlazione le problematiche respiratorie con una mancanza di una corretta idratazione“.

I dati completi dello studio saranno presentati domani, durante il congresso. “Anche quest’anno- spiega il presidente Aist- abbiamo riunito un allargato gruppo di esperti colleghi, molti dei quali provenienti dall’estero, per cercare di dare risposte sempre più precise e mirate”.

Al centro del dibattito, anche il rapporto fra inquinamento e tosse e le cause della tosse di natura non respiratoria, “con particolare riguardo al reflusso gastroesofageo“, insieme alle “nuove prospettive terapeutiche, compresi gli approcci non farmacologici”.

Da domani Aist lancerà anche una campagna nazionale “Tosse: dieci cose da sapere“, con la diffusione di 40.000 locandine da appendere negli studi medici e 80.000 opuscoli, per favorire una “maggior attenzione da parte di medici e pazienti” al problema e indicare il modo migliore per affrontarlo, evitando ad esempio stili di vita sbagliati come il fumo e l’eccessivo e inappropriato uso di farmaci, in particolare antibiotici. In Italia, l’incidenza della tosse varia nella popolazione dal 5% al 40% in base a condizioni ambientali, età, stagione e abitudine al fumo.

La tosse acuta comporta sei milioni di consultazioni specifiche all’anno, oltre tre milioni per quella cronica. Da una recente indagine dell’Aist, risulta che solo il 29% degli intervistati riferisce di non avere mai avuto episodi di tosse nell’arco dell’ultimo anno, mentre il 53% parla di almeno uno o due episodi all’anno. Più colpito il sesso femminile, soprattutto in età pediatrica e oltre i 60 anni.

“La tosse- sottolinea l’Aist- è un sintomo talmente comune che troppo spesso finisce per essere trascurato o ignorato“. E’ però ormai assodato che l’aumento dell’inquinamento “esercita un’azione nociva sull’apparato respiratorio. Sono sempre più numerose le evidenze scientifiche che correlano il tasso di inquinamento dell’aria con l’incremento di malattie respiratorie croniche e la tosse rappresenta il campanello d’allarme”.

Fonte Dire

Potrebbe interessarti...