Informativa sui cookie

ER, in dieci giorni vaccinate 161mila persone contro l’influenza. Venturi: “Dare l’esempio”

Share on Facebook22Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

IMMUNIZZATO ANCHE L’ASSESSORE VENTURI: OPERATORI DIANO L’ESEMPIO. (DIRE)

20171118020888009641

Sergio Venturi

Bologna, 18 nov. – In dieci giorni sono gia’ oltre 161.000 le persone che in Emilia-Romagna hanno deciso di farsi vaccinare contro l’influenza. E oggi, a favore di macchina fotografica, lo ha fatto anche l’assessore regionale alla Sanita’, Sergio Venturi, che spedisce un messaggio chiaro in particolare a chi lavora nelle aziende sanitarie della regione.

“Vaccinarsi contro l’influenza e’ sempre una buona cosa- manda a dire Venturi- e noi dobbiamo dare l’esempio, cosi’ come gli operatori”. Dalla prima rilevazione, fatta dalla Regione il 15 novembre, a dieci giorni dall’avvio della campagna di vaccinazione, emerge che sono gia’ state iniettate piu’ di 161.000 dosi di vaccino antinfluenzale, sulle 790.000 consegnate negli Ausl e negli ambulatori di medici e pediatri di famiglia. Inoltre, sono piu’ di 2.000 i vaccini fatti finora contro lo pneumococco, che rappresenta una novita’.

La Regione ha lanciato per la prima volta quest’anno la campagna per la vaccinazione gratuita di donne e uomini di 65 anni, contro il batterio responsabile di polmoniti, meningiti e sepsi. La vaccinazione, che viene eseguita dai medici di famiglia, e’ raccomandata anche per le persone con malattie croniche di tutte le eta’. Le complicanze dovute all’influenza “possono essere molto gravi, a volte anche definitive- ricorda l’assessore- c’e’ una frequenza doppia di infarti tra chi non si vaccina, durante i mesi invernali, soprattutto tra le persone in eta’”.

Quest’anno in particolare “abbiamo potenziato ancora di piu’ la campagna di comunicazione e informazione rivolta ai cittadini- sottolinea Venturi- cerchiamo di convincere il maggior numero di persone possibili. Vaccinarsi non comporta alcun rischio, anzi. Ci rendiamo piu’ forti contro una malattia che puo’ essere pericolosa”. (San/ Dire)

Potrebbe interessarti...